Anticorpi Monoclonali

Condividi il post

Anticorpi Monoclonali: Una possibilità, non un’alternativa al vaccino.

L’Aifa, Agenzia Italiana del Farmaco, ha dato il via libera all’uso di anticorpi monoclonali in Italia come cura contro l’infezione da SARS-CoV-2. Questi farmaci sono stati resi disponibili con procedura straordinaria. Infatti, si ribadisce l’assoluta necessità di acquisire nuove evidenze scientifiche che consentano di stimare chiaramente il valore clinico degli anticorpi e definire le popolazioni di pazienti che ne possano maggiormente beneficiare. Si tratta di anticorpi sintetici fabbricati in laboratorio e prodotti da cellule artificiali. Lo sviluppo di questi anticorpi deriva da quelli naturali prodotti dai pazienti immunizzati che si legano alla proteina che il virus SARS-CoV-2 usa per entrare nelle cellule dell’ospite (proteina spike). Questo processo impedisce al virus l’ingresso nelle nostre cellule in modo tale da bloccarne la replicazione. Tuttavia, lo scudo di protezione con anticorpi monoclonali, dura solo qualche mese per cui non è un’alternativa al vaccino. I monoclonali vanno utilizzati solo in determinate situazioni come, ad esempio, nella fase inziale della malattia (entro 72 ore e non oltre 10 giorni dal contagio). 

Questa strategia terapeutica risulta essere poco efficace quando il paziente ha sviluppato i sintomi più gravi. Ecco perché dovrebbero essere usati quanto prima, soprattutto in soggetti maggiormente a rischio di contrarre il Covid e di sviluppare la malattia nella forma più seria. I pazienti candidabili al trattamento con anticorpi monoclonali devono avere i seguenti requisiti: età maggiore di 12 anni, non essere ospedalizzati per Covid, non in ossigenoterapia, con sintomi di grado lieve-moderato di recente insorgenza (e comunque da non oltre 10 giorni) e presenza di almeno uno dei fattori di rischio come: malattia renale cronica, diabete, obesità, immunodepressione, BPCO e/o altre malattie respiratorie croniche e malattie cardio-cerebrovascolari (inclusa ipertensione con concomitante danno d’organo). 

La somministrazione prevede l’infusione endovenosa del farmaco che deve essere effettuata in un tempo di 60 minuti (seguiti da altri 30-60 minuti di osservazione) in strutture, che consentano una pronta ed appropriata gestione di eventuali reazioni avverse.

Farmaci Equivalenti

La professionalità e la competenza del farmacista fanno in modo che le farmacie siano un punto di riferimento per i cittadini. Il farmacista è tenuto

Appuntamenti Di Novembre in Farmacia

1 novembre: Chiusi3 novembre: “Esame Audiometrico” (solo mattina)13 novembre: “Aperti per turno” Dal 18 al 25 novembre: “In Farmacia per I Bambini” – Francesca Rava29 novembre:

1 Novembre Chiusi

𝗙𝗮𝗿𝗺𝗮𝗰𝗶𝗮 𝗩𝗮𝘀𝘁𝗮 informa la gentile clientela che 𝗺𝗮𝗿𝘁𝗲𝗱ì 𝟭 𝗻𝗼𝘃𝗲𝗺𝗯𝗿𝗲 osserverà la giornata di chiusura per la 𝗙𝗲𝘀𝘁𝗮 𝗱𝗶 𝗢𝗴𝗻𝗶𝘀𝘀𝗮𝗻𝘁𝗶. 𝗙𝗮𝗿𝗺𝗮𝗰𝗶𝗮 𝗩𝗮𝘀𝘁𝗮, al vostro fianco,

Giornata Mondiale Della Vista 2022

Come ogni anno, il secondo giovedì di ottobre (quest’anno giovedì 13 ottobre) si celebra la 𝗚𝗶𝗼𝗿𝗻𝗮𝘁𝗮 𝗺𝗼𝗻𝗱𝗶𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝘃𝗶𝘀𝘁𝗮, promossa dall’𝗔𝗴𝗲𝗻𝘇𝗶𝗮 𝗜𝗻𝘁𝗲𝗿𝗻𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲 𝗽𝗲𝗿 𝗹𝗮 𝗣𝗿𝗲𝘃𝗲𝗻𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Continuando la navigazione si considera implicitamente che se ne accetti il loro uso. Cookie policy